Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

31 luglio 'Dante in Musica' ore 21,15

dante in musica
31 luglio ore 21,15 presso Palazzo Pretorio di Buggiano Castello
si terrà la serata-evento 'Dante in Musica' organizzata da Oltremusica e Ass. culturale Buggiano Castello con la collaborazione del Comune di Buggiano.
Si esibiranno al pianoforte il duo Orietta Luporini e Luca Pieruccioni nella 'Dante Symphony' di Franz Liszt.
Ricordiamo che per l'accesso al concerto è consigliata la prenotazione al seguente link:
Ingresso 10€
 

Orietta Luporini si è diplomata in Pianoforte con 10/10 con lode sotto la guida della Prof.ssa Rossana Bottai Orlandini. Presso il Conservatorio di La Spezia ottiene il Master in Didattica della Musica con 9/10 e nel 2007 la Laurea Magistrale di 2° livello. Presso l’Accademia Internazionale di Imola “Incontri col Maestro” consegue il Diploma in Musica da Camera con il massimo dei voti. Ha quindi proseguito il perfezionamento da solista con i Maestri Bruno Canino, Andrea Lucchesini, StephankaKrivenskyMandratchjiev e Pier Narciso Masi. Dal 2016 segue i masterclass tenuti dal pianista Boris Berman in Austria e in Italia. Dal 1998 segue corsi e lezioni della Dott.ssa Gabriella Zorzi su “Educazione al Senso nella Psiche” secondo il metodo della Prof.ssa Maya Liebl per la conoscenza dell’Io, in particolare nell’approccio alla musica ed al suo insegnamento. Già da appena diplomata si esibisce come solista nelle principali città italiane (Roma, Firenze, Pisa, Torino, Amalfi, Napoli, Vicenza) presso importanti istituzioni quali il Festival Pianistico Internazionale di Amalfi; ha registrato per la RAI radio televisione italiana e per la Radio nazionale Cecoslovacca. Ha suonato nel 2002 alla riapertura del Museo dei Georgofili di Firenze, dopo l’attentato dinamitardo del 2001. Collabora con vari musicisti sia in duo che in formazioni cameristiche (duo, trio, collaborazioni con cantanti lirici) in Italia e all’estero: in Germania (Stadthall Unna, 2011 e 2013), Austria (ItalienischeKulturInstitut, Vienna, 2013; Società Dante Alighieri di Vienna, 2014- 2017, e di Eisenstadt, 2018;), Bulgaria (Saal Bulgaria, Sofia 2014), Algeria (7°Festival Culturale Internationale, Algeri 2015) e Danimarca (MetronomenSaal, Copenhagen, 2019), ottenendo successo di pubblico e critica. Fin da giovanissima ha affiancato all’attività concertistica quella didattica. I suoi allievi ottengono riconoscimenti nei principali concorsi nazionali ed internazionali: nel 2000 due sue alunne si aggiudicano il 1° premio assoluto e il premio per la migliore interpretazione al Concours International Musical de France, a Parigi; i suoi allievi superano con successo l’ammissione ai corsi di Pianoforte Principale in Conservatorio. La crescente attività didattica la porta ad affidare parte del lavoro ad altri docenti: nel 2003 decide quindi di fondare in Italia l’associazione musicale “Giardini Sonori”, della quale è tutt’ora Presidente, promuovendo la diffusione della cultura ed educazione musicale attraverso corsi, seminari e concerti, in particolare curando l’aspetto della musica da camera per i giovani e effettuando ella stessa corsi e lezioni concerto sulla produzione di Giacomo Puccini in lingua italiana, inglese e tedesco.

Luca Pieruccioni diplomato in pianoforte con il massimo dei voti al Conservatorio Statale di Musica “Giacomo Puccini” di La Spezia sotto la guida del Maestro Franco Parenti. Ha studiato direzione d’orchestra seguendo i corsi tenuti a Firenze dal Maestro Piero Bellugi, con il quale ha lavorato sulla tecnica della direzione e gli aspetti dell'interpretazione relativi al repertorio sinfonico di Haydn, Mozart e Beethoven. Ha frequentato un corso di Alta Formazione Orchestrale organizzato dal Banchetto Musicale di Lucca (il corso prevedeva lo studio del repertorio orchestrale con pianoforte e lo studio del repertorio cameristico). Ha seguito i corsi di alto perfezionamento tenuti da Isacco Rinaldi (allievo di Arturo Benedetti Michelangeli), Robert McDonald (docente presso la Juilliard School di New York), Hector Moreno, Bruno Canino. Ha ottenuto premi in Concorsi Pianistici Nazionali ed Internazionali, aggiudicandosi il secondo premio al Concorso Pianistico “Città di Camaiore”(LU), il primo premio al Concorso Pianistico “Città di Genova”, il primo premio al Concorso “Riviera della Versilia” (LU), il secondo premio (il primo non assegnato) al Concorso “Città di Gabicce Mare” (PS), il terzo premio al Concorso Internazionale “Città di Tortona” (AL), il primo premio al London International Music CompetitionGrandPrize Virtuoso. Svolge attività concertistica in qualità di solista e musica da camera (Pianoforte e Violino, Pianoforte e Flauto, Pianoforte e Canto Lirico, in varie formazioni cameristiche dal trio al quintetto, pianoforte a quattro mani e otto mani su due pianoforti), dal 2004 al 2011 ha fatto parte del “Miari Ensemble” gruppo con il quale ha eseguito musiche (note e meno note) prevalentemente per un insolito organico, quello del due pianoforti a otto mani. Ha suonato in Italia per la Società dei Concerti di La Spezia, al Teatro il “Tempietto di Genova”, a Desenzano del Garda (BS) nell’Auditorium “A. Celesti”, per il Rotary Club di Piombino (LI), a Viareggio nella Rassegna “Giovani Concertisti”, a Lucca presso il Museo della Cattedrale, per la Società Filarmonica Pisana, a Busto Arsizio (VA) per la Società del Quartetto, a Massa “Teatro Guglielmi”, a Cortona (AR) per gli Amici della Musica, Palazzo Agudio di Malgrate (Lecco), Castello Villa Smilea e “Associazione Amici dell'Opera” di Pistoia, a Roma presso Villa Torlonia, Teatro Marcello, Sala Baldini e Ambasciata Indonesiana, Festival Musicale “Terre di Maremma”, al Palazzo Ducale di Massa, per l’Associazione Concertistica “Pina Telara” di Massa, Pescara Music Festival, Festival Internazionale di Musica Classica di Corsanico, Associazione Musicale “Dino Ciani” di Milano, al Palazzo della Provincia di Lucca per Amnesty International, al Teatro di Rosignano Solvay (LI), Istituto Italiano di Cultura (Bucarest), ha tenuto vari recital pianistici presso la HausderBegegnung in Grenzach-Wyhlen (Germania). In occasione del 250° anniversario della nascita di L.v. Beethoven è stato invitato a suonare presso la “Società Dante Alighieri di Berlino e Kiel (Germania). Ha ideato e promosso  Dante in Musica - l'universo dantesco incontra Franz Liszt, progetto che lo ha portato a tenere recital pianistici in Italia e all'estero, con il Patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura, e promosso da Radio Cambridge e Radio Romania International, la registrazione è stata trasmessa inoltre dall'emittente televisiva LepidaTV e da Radio Vaticana. Ha lavorato come pianista collaboratore al Teatro del Giglio di Lucca per l’allestimento di varie Opere dirette da Alberto Zedda e altri importanti direttori d’orchestra. Ha tenuto conferenze e lezioni concerto presso Associazioni Musicali italiane analizzando la musica sinfonica e pianistica con particolare attenzione all'aspetto della analisi stilistica e formale e alla interpretazione musicale in merito a composizioni di: Mozart, Beethoven, Chopin, Schubert, Schumann, Brahms, Liszt. E' vice-presidente e direttore artistico della Associazione Musicale Diafonia Pietrasanta. Vincitore del concorso per titoli ed esami è docente di pianoforte al Liceo Musicale “A. Passaglia” di Lucca.

 

4 luglio 'VIAGGIO NEL SETTECENTO' concerto musica classica

concerto 4 luglio

DOMENICA  4 LUGLIO ORE 21,15

presso il Giardino di Villa Sermolli a Buggiano Castello si terrà il primo di 5 Concerti dell'estate 2021 organizzati da Oltremusica con il concorso dell' Associazione Culturale Buggiano Castello e del Comune di Buggiano e con il finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.

'Viaggio nel settecento' con Irene Benedetti, flauto Federico Lodovichi, fagotto Fabrizio Datteri, clavicembalo

Musiche di Devienne, Vivaldi, Telemann, Bach

Ingresso 10€ (concerto + drink di benvenuto)

Per prenotarsi visitate la piattaforma EventBrite:

https://www.eventbrite.it/o/associazione-buggiano-castello-oltremusica-17124138721?fbclid=IwAR1XrnZRNJ1f7crgl4G6FBEm92LOfJRrIVLXCcnDVoxifV-q0gNzID3_KEw

 

 

Irene Benedetti, nata nel 1996, inizia lo studio del flauto traverso nel 2010, presso il Liceo Artistico Musicale A. Passaglia di Lucca. Dal 2015 frequenta l’Istituto Superiore di Studi Musicali Luigi Boccherini, sotto la guida del Maestro Filippo Rogai, conseguendo la laurea triennale con il massimo dei voti nel 2018 e quella magistrale con Lode nel 2020. Ha partecipato a Masterclass di perfezionamento con Maestri di fama internazionale come Andrea Oliva, Paolo Taballione, Michele Marasco, Fabio Angelo Colajanni, Matteo Evangelisti, Francesco Loi, Nicola Mazzanti, Salvatore Lombardi, Carlo Ipata, Claudia Bucchini e Marco Zoni. Dal 2013 collabora come Primo Flauto ed Ottavino nell’orchestra MaBerliner con cui ha tenuto numerosi concerti in Italia e alcune città europee come Monaco, Montecarlo, Dresda, Barcellona e Praga. 

Nel novembre 2016 ha collaborato con il Teatro del Giglio come Ottavinista nella produzione teatrale “La Bohème” di Giacomo Puccini, e nell’aprile 2017 ha suonato come solista il concerto di W.A. Mozart in Sol maggiore KV313, in onore di Salvatore Sciarrino. Dal 2018 fa parte dell’orchestra dell’associazione ProLoco di Castiglione di Garfagnana come primo flauto e dallo stesso anno è entrata a far parte del gruppo di musica contemporanea “OTEME” dove suona Flauto e Ottavino e canta nel quartetto di voci, con cui nel 2019 ha prodotto un disco intitolato “Un saluto alle nuvole”. Il 14 aprile 2018, presso il Teatro dell’Olivo di Camaiore, si è esibita nel suo primo recital solistico insieme al pianista Simone Rugani, con musiche di Bach, Mozart, Donizetti, Reinecke e Debussy. Nel dicembre 2018 ha avuto l’opportunità di registrare il concerto “The heart of christmas” con il cantante Andrea Bocelli, in qualità di primo flauto, che poi è stato trasmesso negli Stati Uniti. A maggio 2019 si è esibita inoltre in duo con il chitarrista Andrés Gonzalez Najera, per l’associazione culturale “Lucca Classica”, presso la Cattedrale di San Martino a Lucca; il concerto prevedeva l’esecuzione di trascrizioni delle sonate per Flauto e Tastiera di J.S. Bach, e nel giugno dello stesso anno ha vinto il primo premio, con punteggio 95/100, al XXVIII Concorso di Esecuzione Musicale “Riviera della Versilia”.  Nel 2020 ha vinto la borsa di studio Erasmus +, grazie alla quale ha vissuto a Vigo, in Spagna, durante l’ultimo anno dove ha avuto l’opportunità di studiare la scuola flautistica spagnola e di imparare la lingua ricevendo la certificazione B1. Attualmente frequenta per il secondo anno di fila il Corso Annuale con il M. Michele Marasco a Firenze.

Federico Lodovichi si è diplomato in Fagotto presso l’Istituto Musicale Pareggiato L.Boccherini di Lucca, proseguendo successivamente gli studi con il M° Dante Vicari. Si è perfezionato presso l’Accademia Chigiana di Siena e l’Accademia di Riva del Garda con i M° Daniele Damiano e Valentino Zucchiatti; contemporaneamente ha studiato controfagotto con il M° Gabriele Screpis e ha seguito corsi di formazione orchestrale. Collabora abitualmente con prestigiose orchestre, fra cui: Maggio Musicale Fiorentino, Verdi di Milano, Arturo Toscanini di Parma, Filarmonica della Scala, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova in qualità di Fagotto e Controfagotto, sotto la guida di direttori come Zubin Mehta, Vladimir Jurovsky, James Collon, John Axelrod, Daniel Oren, Simon Bychkov, Antonio Pappano, Zhang Xiang, Claus Peter Flor, Oleg Caetani e con solisti quali Gabetta Sol, Benedetto Lupo, Christian Tetzlaff, Daniela Dessì, Leo Nucci, Francesca Dego, Bruno Canino; con queste orchestre ha partecipato a tourneè in Cina, Svizzera, Russia, Spagna suonando in famose sale quali la Cajkovskij del Conservatorio di Mosca, il Palazzo d’inverno di S.Pietroburgo, l’Auditorium Kursal San Sebastian, il Baluarte Pamplona, il Teatro Principal Vitoria, il Palacio Euskalduna, la Victoria Hall di Ginevra e il Tonhalle di Zurigo. Con l’Orchestra Verdi ha preso parte a numerose Registrazioni, l’ultima delle quali è costitutita dall’integrale delle Sinfonie di Brahms dirette da Jhon Axerold.

Fabrizio Datteri Pianista lucchese, si è diplomato con il massimo dei voti presso l’ISSM Boccherini di Lucca, dove successivamente ha conseguito il Diploma Accademico di II Livello con massimo dei voti e lode. Si è perfezionato, fra gli altri, con Konstantin Bogino, Bruno Canino, PierNarciso Masi e all’Accademia Chigiana con Joaquin Achucarro. Ha inoltre conseguito il Master triennale in Musica da Camera presso l’Accademia di Imola, diplomandosi con la menzione speciale. L’interesse per la musica barocca lo ha portato a diplomarsi in clavicembalo presso il Conservatorio di Firenze e a prodursi come clavicembalista in numerosi ensemble. Ha al suo attivo vari concerti solistici e di musica da camera con illustri collaborazioni quali Cristiano Rossi, Mario Ancillotti, Boris Bloch, Paolo Carlini, Michele Marasco, prime parti della Scala, le prime parti del Concertgebouw di Amsterdam, dell’Ort, strumentisti del S. Cecilia di Roma e dell’Opera di Parigi oltre ad essere risultato vincitore di vari premi in concorsi musicali nazionali e internazionali. Ha suonato per prestigiose Associazioni Concertistiche fra cui: Carnegie Hall di New York, Palau di Barcellona, California e San Francisco State University, Weiner Saal di Salisburgo, Teatro San Benito Abad e Sala Villanueva di Città del Messico, Milli Auditorium Istanbul, Victoria International Festival di Malta, Amici della Musica di Pistoia, Camerino Festival, Festival Anima Mundi Pisa, Saal am Palais e Hochschule “F. Liszt di Weimar, Istituti Italiani di cultura di Amsterdam, Copenaghen, Amburgo e Londra; ha suonato come solista con varie orchestre quali Orch. Nazionale Rumena di Oradea, I Pomeriggi Musicali di Milano, Orch. di Stato del Messico, Filarmonica di Istanbul. Numerosi i progetti discografici per etichette internazionali: Tactus, Da Vinci Classic, Brilliant, D&G classic; sono in uscita un cd su Piazzolla per Da Vinci Classic, l’integrale dei Quintetti di Boccherini per Tactus, l’integrale delle composizioni per due pianoforti e duo pianistico di Glazunov per Brilliant,un cd su Beethoven per Naxos, un cd con Paolo Carlini per CPO. Ha insegnato Pianoforte presso i Conservatori Statale di Musica di Reggio Calabria, Monopoli, Salerno e presso gli Istituti di Alta Cultura “Boccherini” di Lucca e Mascagni di Livorno, oltre ad aver tenuto Master in Università americane. Attualmente è docente di ruolo presso il Conservatorio di Perugia.

concerto, buggiano castello , concerti di musica

9 luglio 28°Premio Internazionale Boris Christoff

premio boris christoff 2021

VENERDI' 9 LUGLIO

28° PREMIO INTERNAZIONALE BORIS CHRISTOFF

Palazzo Pretorio di Buggiano Castello ore 21,15. Ingresso gratuito.

Causa normative anti Covid, è necessaria la prenotazione attraverso il lnk:

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-xxviii-premio-internzionale-boris-christoff-a-kevin-e-lucas-spagnolo-161527343633

Organizzato da Associazione Culturale Buggiano Castello e dal Comune di Buggiano, in collaborazione con Oltremusica e con il contributo di Vival Banca BCC Montecatini Terme/Bientina/San Piero in Vincio

Saranno premiati Kevin Pedro Spagnolo (clarinetto) e Lucas Spagnolo (flauto).

Durante la serata si esibiranno con musiche di Saint Saens, Debussy, Poulenc, Shostakovic e Stravinsky.

Kevin Pedro Spagnolo. Vincitore del Primo Premio del prestigioso concorso di Ginevra nel 2018 a soli 22 anni, Kevin Pedro Spagnolo (1996) è considerato uno dei più giovani e talentuosi artisti della sua generazione. Già vincitore di molti altri concorsi nazionali ed internazionali, tra cui il Concours Internationale de Clarinette Jacques Lancelot et Ghent International Clarinet Competition, Kevin si esibisce in tutta Europa in Recitals con pianoforte, da solista con orchestra e in gruppi di musica da camera, con quartetto e con altri strumenti a fiato. Kevin inizia a studiare il clarinetto all'età di otto anni al Conservatorio di Lucca, dove si diploma nella classe di Remo Pieri nel 2013, con il massimo dei voti e menzione d'onore. Successivamente si perfeziona con Carlo Failli e Fabrizio Meloni. Nel 2015 inizia il Master of Arts con Romain Guyot al Conservatorio di Ginevra, dove successivamente completa anche il Master Solist nel 2019. Ha suonato in recitals e vari festival con Carlos Sanchis, Chloe Ji-yeong Mun, Theo Fouchenneret, Quatour Voce, nel Festival di Montpellier, Jeunes Talents a Parigi, Concerts d'été de saint Germain a Ginevra, Festival de les Haudères, Filarmonica di Rovereto e molti altri, anche per radiotrasmissioni su Radio France, Rai Radio 3, Radio Télévision Suisse. Si è esibito da solista, proponendo repertori classici, moderni e contemporanei, con L'Orchestra de Aguascalientes, Orchestre de la Normandie a Rouen, Orchestre de Chambre de Genève, Bruxelles Philharmonic, Orchestra del Teatro Mariinsky a San Pietroburgo, Swedish Chamber Orchestra, Orchestra della Toscana. Nel 2021 uscirà il suo primo CD da Solista, con la Swedish Chamber Orchestra, sponsorizzato da Breguet e il Concorso di Ginevra, con musiche di G. Rossini, C.M. von Weber e Jean Françaix. Il CD sarà incentrato sui differenti caratteri dei compositori, e le varie sfaccettature dell'artista, avendo egli una duplice identità, italiana e tedesca, ed una terza sfumatura francese, dovuta ai suoi studi a Ginevra. al 2019 Kevin suona come Primo Clarinetto alla Swedish Chamber Orchestra, con direttore stabile Martin Fröst. Come orchestrale Kevin ha avuto esperienze da Primo Clarinetto con orchestre come: Orchestra del Teatro alla Scala, Filarmonica del Teatro alla Scala, Orchestra Regionale Toscana, Verbier Chamber Orchestra, Teatro San Carlo di Napoli, Malmö Symphony Orchestra, Orchestra Leonore, ed in orchestre giovanili quali Verbier Festival, Gustav Mahler Jugendorchester, Orchestra Giovanile Italiana. È stato diretto da Valery Gergiev, Christopher Eschenbach, Juraj Valcuha, Marc Soustrot, Martin Sieghart, Herbert Blomstedt, Simon Rattle, Gábor Tákacs Nagy, Esa-Pekka Salonen, Charles Dutoit, Gianandrea Noseda tra gli altri. Con un controllo eccezionale dello strumento, Kevin Spagnolo è conosciuto per la sua spontaneità e ricerca della libertà, spingendo le sue abilità ai limiti del possibile. Curioso ed assetato di musica, cercando di condividere le sue emozioni con il pubblico, affronta e ricerca sempre nuovi repertori, come dimostrato dalla sua recente passione per la musica da camera , Jazz e Klezmer.

Lucas Spagnolo nasce a Lucca il 21 giugno 2001. Inizia ad intraprendere lo studio del flauto traverso all‘età di 7 anni e nel 2009 entra a far parte della classe del Prof. Filippo Rogai presso l‘Istituto Superiore di Studi Musicali „Luigi Boccherini“ dove si diplomerà successivamente nel 2020 con il massimo dei voti, lode e menzione ad onore. Allo stesso tempo ha studiato a Firenze con il Prof. Michele Marasco dal 2016 al 2018. Nel 2018 entra a far parte della classe della Prof. Andrea Lieberknecht come “jungstudent” presso l’Hochschule für Musik und Theater München e da Ottobre 2020 inizia il Master con lei. Lucas e vincitore di vari concorsi come: primo premio assoluto „Riviera della Versilia“, primo premio assoluto „Riviera Etrusca“, terzo premio al concorso „Premio Köhler“,primo premio assoluto „6. Concorso regionale musicale Lions Distretto 108LA“, primo premio assoluto „Premio Crescendo“ Cat. A, primo premio assoluto „Premio Crescendo“ Cat. B, primo premio assoluto al concorso „Giuseppe Peloso“, primo premio al concorso flautistico internazionale „Severino Gazzelloni“ Cat. A con 3 premi speciali. Nel 2019 ha fatto parte dell’orchestra giovanile italiana (OGI) per progetti estivi. A marzo del 2021 Lucas vince il posto da accademista alla Royal Stockholm Philarmonic Orchestra e nel mese successivo, all’età di 19 anni, vince il posto da primo flauto presso la Beethoven Orchester Bonn.

30 luglio Classic Jazz Piazza del Grano Borgo a Buggiano

Venerdì 30 luglio alle ore 21,15 in Piazza del Grano a Borgo a Buggiano

si terrà la prima delle 2 serate 'Jazz & Tango' dedicate alla musica contemporanea, organizzate dalla nostra Associazione e dal Comune di Buggiano, con la collaborazione di Fondazione della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Animando-centro di promozione musicale, Ass. Culturale Chi vuol esser lieto sia', Oltremusica.

'Classic Jazz' con musiche di Bach, Debussy, Pergolesi, Ravel ed altri… Si esibiranno:

Anna Ulivieriflauto

Linda Leccese - violino

Luigi Pieri - clarinetti e sax

Stefano Quaglieri – chitarra

Nino Pellegrini – contrabbasso

Massimiliano Fantolini pianoforte

Alcuni standard, i brani che formano il vasto repertorio da cui i musicisti che suonano jazz attingono, traggono ispirazione da melodie composte decenni prima e a volte anche nei secoli precedenti, quindi concepite in epoche e contesti artistico-culturali diversi. Ciò che accomuna questi brani è la loro bellezza e il fatto di risultare molto interessanti, così da continuare a suscitare il desiderio anche di sperimentazione ed eccoli allora tornare come punto di partenza per modificarne magari anche ogni modulo armonico, melodico e ritmico.

Tutta la musica jazz e derivata può essere quindi definita come colta, appunto per il presupposto che è risultante dalla conoscenza della musica classica, delle varie etnie musicali e di sviluppi armonici complessi.

Probabilmente l'anello di congiunzione tra quella che solitamente è detta musica classica e il jazz è George Gershwin, ispirato da autori come Claude Debussy e Maurice Ravel. La sua produzione è incredibilmente vasta e tra le sue opere definite minori (circa 700) moltissime sono divenute standard inesauribili, così che oggi sono le più conosciute.

Dall'altro lato della medaglia lo stesso Debussy venne influenzato dal jazz, come dimostra "Golliwogg's Cakewalk" a chiusura della sua suite per pianoforte "Children's Corner".

Classic#Jazz nasce dall'amore di alcuni musicisti di diversa formazione per la musica bella e interessante, dall'ammirazione per chi prima di loro ha scorto nella sterminata biblioteca classica temi da eleggere a standard e dal desiderio di farli risuonare ancora con una propria nuova interpretazione (come nel caso di "The Lamp Is Low" dalla "Pavane puor une enfante défunte" di Ravel, di "My Reverie" da "Reverie” di Debussy ecc.), ma anche dalla curiosità di cercarne altri nascosti tra i capolavori magari di Monteverdi, Bach, Pergolesi.

Anna Ulivieri si è diplomata in flauto traverso e in jazz presso L'istituto di Alta Formazione Musicale P. Mascagni di Livorno, studiando rispettivamente con Stefano Agostini e Mauro Grossi. Attualmente insegna flauto traverso, teoria e musica d'insieme presso diverse scuole di Pisa e provincia. Si esibisce come solista e in varie formazioni cameristiche spaziando dal repertorio antico al contemporaneo, realizzando prevalentemente propri progetti tematici che uniscono la musica, spesso presentata in arrangiamenti originali, con altre discipline artistiche. Nel 2008 fonda l'Associazione Culturale Chi vuol esser lieto sia... con sede a Villa Tadini di Agnano (PI), ideando il Festival di musica e arti varie “Chi vuol esser lieto sia...”, “Musica sotto i castagni in fiore”, “Dal Mar Nero all'Arno”, “Il Salotto Musicale” e altri eventi.

Luigi Pieri consegue il diploma in clarinetto presso il Conservatorio Statale L. Cherubini di Firenze con il M° Elio Palagi, il diploma di Triennio Jazz e successivamente la laurea per il “Biennio Superiore in alta formazione Jazz” con docente relatore M° Mauro Grossi con il massimo dei voti presso l’Istituto Musicale Pareggiato “P. Mascagni” di Livorno. Inoltre frequenta i seminari invernali di Siena Jazz con i maestri Klaus Lessmann, Stefano “Cocco” Cantini, Roberto Nannetti. Ha collaborato alla realizzazione del CD “Sorvoli” del M° Marco Cattani in qualità di clarinettista basso e di sassofonista; “disordini al confine”, “malcontenta” ed “interferenze” dell’orchestra jazz atipica di Pisa, diretta dal M° Andrea Pellegrini in qualità di clarinettista basso e di sassofonista. Ha diretto e suonato nella “Luigi Pieri Big Band” dal 2000 al 2010

Linda Leccese si diploma in violino nel 2005 sotto la guida del M° Alberto Bologni presso l’Istituto Musicale “L. Boccherini” di Lucca dove nel 2008 consegue anche la Laurea Specialistica. Nello stesso anno si perfeziona con il M° Chiara Morandi. Già durante il suo percorso di studi nel 2002 inizia la sua lunga collaborazione con l’Orchestra Giovanile Universitaria di Pisa come spalla dei secondi violini. Dal 2006 al 2009 collabora con diverse orchestre toscane e con il Teatro Lirico Sperimentale “A. Belli” di Spoleto. Contemporaneamente si dedica all’insegnamento in diverse scuole di musica della provincia pisana; dal 2007 al 2009 anche presso la Scuola Secondaria di I grado “G. Mazzini” di Pisa. Nel 2010 inizia la sua esperienza estera perfezionandosi con il M° Abrahamyan (Conservatorio di Maastricht) e con il M° Margulis (Conservatorio di Anversa). Nel 2011 entra a far parte stabilmente nella “Johann Strauss Orchestra” di Andrè Rieu con cui effettua numerosi concerti e tournèe in Europa, America ed Australia; quattro incisioni discografiche e numerose partecipazioni televisive in Inghilterra, Germania, Belgio, Brasile, Canada, USA. Dal 2014 è docente di violino presso l’Accademia Musicale Toscana di Pontedera e si occupa dei laboratori di strumento musicale presso la Scuola Secondaria di I grado “A. Pacinotti” di Pontedera e la Scuola Primaria “G. Galilei” di Cascina. Dal 2017 è docente di ruolo di Scuola Primaria e dal Settenbre 2020 è docente di violino per l'indirizzo musicale presso l'Istituito Comprensivo G.Galilei di Montopoli in Valdarno. Collabora stabilmente con l’Orchestra dell’Istituto Musicale “L. Boccherini” di Lucca, l'orchestra Achè di Pisa, l'Orchestra di Peccioli e con diverse altre realtà musicali toscane tra cui ensAmble, gruppo stabile di Associazione Culturale Chi vuol esser lieto sia… Durante gli ultimi anni si affaccia anche ala musica tradizionale e d'ispirazione popolare entrando a far parte del progetto NAYS.

Stefano Quaglieri ha iniziato lo studio della chitarra classica a undici anni con il Maestro Marco Borghini e ha proseguito gli studi con il Maestro Flavio Cucchi presso l’Istituto Musicale Pietro Mascagni di Livorno. In seguito si è perfezionato frequentando le master class dei Maestri Oscar Ghiglia e Alvaro Company. Dal 1984 al 1991 ha suonato in duo con il suo ex-maestro Marco Borghini, assieme al quale ha ottenuto tre Primi Premi e un Secondo Premio in Concorsi Nazionali e Internazionali di chitarra. Ha partecipato a prime esecuzioni assolute e ha realizzato registrazioni televisive per la RAI e per il canale culturale franco-tedesco Arte. Insegna chitarra al Liceo Musicale Statale Passaglia di Lucca.

Nino Pellegrini contrabbassista, attivo da quasi 30 anni sulla scena nazionale ha studiato a Siena Jazz vincendo varie borse di studio, con Bruno Tommaso Paolino Dalla Porta, Furio Di Castri, Enrico Rava, Paolo Fresu e molti altri. Al suo attivo ha già una quarantina  di collaborazioni discografiche. Ha suonato in numerosi Festival Jazz italiani e all'estero in Francia, Germania, UK, Grecia, Giappone. Ha collaborato con artisti di fama nazionale e internazionale come Stefano Battaglia, Nico Gori, Marco Tamburini, Pietro Tonolo, Enrico Rava, Paolo Fresu, Tino Tracanna, Paul MC Candless, Michael Baker, Deborah Davis e molti altri. Ha suonato nell'orchestra  nazionale giovanile di jazz di Bruno Tommaso e Giancarlo Gazzani. Attualmente fa parte di diverse formazioni tra le quali Quartetto di Livorno con cui ha registrato disco sulle musiche delle canzoni di Piero Ciampi vincitore del premio speciale della critica al Premio Ciampi nel 2016. Suona nel Seaside Jazz Quartet di Nico Gori con cui ha già inciso un doppio CD,  fa parte del Nico Gori Swing Tentet dalla sua fondazione, con cui ha registrato 3 cd. Collabora con diverse altre formazioni a livello nazionale. È docente di Contrabbasso Jazz e Musica di insieme Jazz presso la Scuola di musica G. Bonamici di Pisa dal 1998 portando molti allievi alla professione della musica in italia e all'estero e svolge attività didattica presso diverse altre istituzioni scolastiche del territorio.

Massimiliano Fantolini dopo il diploma di pianoforte, conseguito nel 1990 presso l’Istituto Musicale “Mascagni” di Livorno, si accosta al jazz seguendo il corso tenuto da Mauro Grossi sempre presso lo stesso istituto e conseguendone il relativo diploma (2000); nel frattempo frequenta anche il corso “Musiche per lo spettacolo” realizzato dall’Associazione “Ars Nova” di Livorno ed anche i seminari estivi di Siena Jazz (ambedue nel 1999). Ancora presso l’istituto “Mascagni” partecipa ai seminari tenuti da Maurizio Giammarco (2000) e Gianluigi Trovesi (2001). Ha al suo attivo diverse esperienze sia come pianista accompagnatore (principalmente con il coro “Springtime” di Livorno – con cui ha tuttora una regolare attività concertistica, anche all’estero, ed ha registrato tre cd – nonché con il centro musicale “F.Busoni” di Empoli nell’ambito del progetto “Cori per le scuole”) sia come elemento di gruppi operanti nel campo della musica dal vivo di vario genere, affiancando a queste attività anche quella di insegnante di strumento; con uno di questi progetti, il “JBJ quartet” (quartetto jazz) nel 2015 ha registrato il cd “Noi e Piero” dedicato a Piero Ciampi. Si è anche dedicato alla musica di scena: dopo una prima esperienza, come pianista, nel 1998 (“Concerto a 4 mani”, messo in scena dalla compagnia “Creare è bello” di Pisa) vi ritorna in anni più recenti sia solo come esecutore (“Poesie in jazz”, 2016) che anche come coautore delle musiche (“Dall’ Homo Sapiens all’Homo Facebook”, 2012, e “A Livorno c’è sempre vento”, 2013, entrambi con il JBJ Quartet, andati in scena al teatro “Vertigo” di Livorno).

 

16 luglio SWING & VOICE a Villa Sermolli

concerto swing e jazz
Venerdì 16 luglio alle ore 21,30 nella cornice del giardino barocco di Villa Sermolli a Buggiano Castello si terrà il secondo appuntamento di Oltremusica.
Per la normativa vigente anticovid-19 i posti sono limitati. Pertanto è gradita la prenotazione al seguente link:
 
 
Ingresso 10€ (concerto + drink di benvenuto)
 
SWING & VOICE
Un viaggio attraverso le canzoni più belle e significative della musica moderna: un percorso fatto di sonorità ed emozioni che affonda le sue radici nella tradizione americana e inglese ma anche nelle sue declinazioni più internazionali. Questo viaggio parte dai Beatles, passando per Stevie Wonder e i Radiohead, rivisti in una chiave jazzistica, e dalle sonorità morbide e sofisticate, in un perfetto mix di up-tempo, medium-swing e ballad per accontentare gli ascoltatori più raffinati, ma anche chi si approccia per la prima volta al Jazz. Le canzoni si trasformano, dilatano le loro strutture arrivando a improvvisazioni in origine estranee alla forma canzone. E’ qui che il mondo della musica d’autore, il rock e il jazz si fondono, in una maniera unica e particolare, che contraddistingue la sonorità unica di questo progetto.
 
 

www.buggianocastello.it

www.lacampagnadentrolemura.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ASSOCIAZIONE BUGGIANO CASTELLO

piazza Pretorio, 1 // 51011 Buggiano (PT)

INFO UTILI

tel. +39.339.6600862

 Progetto Web woola.it - © Copyright 2015 buggianocastello.com